19 novembre 2018
Home / Marketing / SQUEEZE PAGE: i 7 elementi chiave per renderla vincente!
squeeze page

SQUEEZE PAGE: i 7 elementi chiave per renderla vincente!

SQUEEZE PAGE: i 7 elementi chiave per renderla vincente!

Considerate uno strumento di direct marketing davvero efficace, le squeeze page servono per poter creare liste di potenziali clienti, da poter sfruttare poi.

Squeeze page letteralmente significa “pagina di spremitura” e, in un sito web ha la funzione principale di chiedere i contatti ai navigatori potenziali clienti.

Se non le hai mai notate, sono quelle pagine in cui ci atterri cliccando su un banner o su un link.

Nella rete le puoi trovare anche con i seguenti nomi:

  • Lead capture page (pagine di cattura contatti);
  • Opt-in page (pagine di registrazione);
  • Funnel page (pagine imbuto).

L’obiettivo di una Squeeze Page

L’obiettivo principale di una squeeze page è di aumentare il più possibile la tua lista di contatti.

Grazie ad essa sarà possibile poi creare delle direct email specifiche.

Quali dati farsi lasciare da una Squeeze Page?

Dipende dal settore.

Ci sono casi in cui ha senso chiedere molte informazioni, altri in cui cheiderne troppe può risultare dannoso.

Nella maggior parte dei casi ha senso solo richiedere l’email, in quanto è tutto ciò che serve per rimanere in contatto con il potenziale cliente.

Per fare un esempio, sono poche le persone che fanno un acquisto immediato una volta arrivate sul sito. Anzi, molto probabilmente, queste persone torneranno più e più volte nel sito, prima di concludere.

Risulta quindi fondamentale avere un sistema che ti permetta di ricontattare questi potenziali clienti prima che possano abbandonare definitivamente il sito.

Ma non solo, devi anche tenere presente che il web è pieno di concorrenza perciò è più facile che si dimentichino la tua esistenza.

E’ essenziale ricontattare i tuoi potenziali clienti per rinfrescargli la memoria sulle tue offerte.

I 7 elementi chiave per rendere la tua squeeze page, vincente!

1. LA HEADLINE:  deve attirare l’attenzione del visitatore, per spingerlo a continuare la lettura e, se possibile, ad eseguire l’azione di conversione;

2. UNA RICOMPENSA: maggiore la ricompensa, migliori saranno le possibilità che compili la form. Per farti un esempio i report gratuiti, una mini guida che spiega cosa fare in certe situazioni, ebook, video, ecc….

3. NUMERO DI RICHIESTE LIMITATO: nelle squeeze page si ottengono i migliori risultati chiedendo solamente il nome e l’indirizzo email, i due dati necessari per poterlo poi ricontattare e personalizzare la comunicazione.

4. BREVE: la Squeeze Page dev’essere breve. Deve contenere solo il testo necessario per convincere l’utente che le informazioni che gli stai offrendo valgono la fatica di compilare il form. Contenuto chiaro e dritto al punto!

5. NO LINK ESTERNI: come le landing page, le Squeeze Page non sono delle normali pagine del sito ma sono autonome. Non devono infatti contenere la barra di navigazione, link esterni, banner o altre tipologie di pubblicità.

6. ASSICURAZIONI SULLA PRIVACY: la principale preoccupazione di un utente è la sua privacy. Ricordati di dichiarare sempre che le informazioni non saranno cedute a terzi ma che verranno utilizzare solo per l’invio del materiale promesso ed eventuali news;

7. OTTIMIZZARE L’UTILIZZO DELLE LISTE: liste puntate e numerate sono efficaci per il testo in quanto permette di riassumere in modo sintetico i benefici chiave derivanti dall’iscrizione. Se devi fornire maggiori dettagli, struttura una lista come questa che abbiamo fatto noi. In tal modo anche gli utenti impulsivi potranno capire al volo i vantaggi della tua offerta solamente scorrendo la lista.

 

Hai bisogno di strutturare una Squeeze Page efficace per la tua strategia di comuncazione?

PARLIAMONE INSIEME!

Riguardo a Ilaria Malin

Ilaria Malin
Inconsapevolmente, siamo il marketing di noi stessi. È nella nostra natura comunicare, ed ogni essere umano comunica in ogni istante se stesso agli altri. Nella mia natura non posso fare a meno di tre cose: esplorare, osservare e ascoltare, anche le piccole cose. Cerco sempre il diverso, e chi vuole essere diverso.

Guarda Anche

Storytelling experience: 3 brand da cui trarre ispirazione

Storytelling experience: 3 brand da cui trarre ispirazione La narrazione, per comunicare il messaggio di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *