Home / Facebook / Perché il 98% delle persone non acquista i tuoi prodotti? Come fare Remarketing
Retargeting
Retargeting

Perché il 98% delle persone non acquista i tuoi prodotti? Come fare Remarketing

Ti è mai capitato di andare su Amazon, guardare la pagina di un prodotto, uscire dal sito per andare su Facebook e trovare la pubblicità di quello stesso prodotto? Questa funzione si chiama Remarketing!

Il remarketing (spesso erroneamente chiamato anche retargeting), è uno dei fattori che incide maggiormente in una campagna di annunci online.

remarketing

Immagina la vendita come l’andare a pesca:

  • Anche se il pesatore sa perfettamente qual è il posto dove ci sono più pesci, gli ci vorrà pazienza.
  • Nonostante conosca l’esca giusta, il cui odore si diffonde a diverse centinaia di metri, gli ci vorrà pazienza.
  • Può anche essere il pescatore più bravo del mondo, può aver vinto centinaia di gare internazionali e i pesci dovrebbero essere onorati di essere pescati da lui. Ma comunque, nella pesca ci vuole pazienza.

Nello stesso modo nel marketing è quasi impossibile che una vendita si chiuda immediatamente, con un singolo annuncio.

Infatti, solo il 2% del traffico web converte alla prima visita. Il restante 98% è lo spazio dove agisce il remarketing.

Senza Remarketing stati agendo solo su quel 2%, ignorando la quasi totalità dei potenziali clienti, ma da oggi non sarà più così:

Cos’è una campagna Remarketing?

Quando si vuole addestrare un cane, gli si dà un biscottino ogni volta che fa qualcosa di buono. Brutto da dire, ma per il tuo browser è la stessa cosa. O per dirla in termini più semplici: Internet “addestra” i suoi utenti.

Ogni volta che entri in un sito, quel sito ti lascia una traccia. Questa traccia si chiama cookie e può essere usato a scopo di marketing. Una volta che il tuo potenziale cliente avrà chiuso la tua pagina, difficilmente ci tornerà, ecco che qui interviene il remarketing. Installando un cookie sul browser del tuo potenziale cliente, avrai modo di ripresentarti da lui.

Retargeting
Retargeting

Come puoi vedere in questa immagine, i passaggi sono semplici:

  1. Un Potenziale Cliente visita il tuo sito Web.
  2. Il tuo sito Web traccia la visita dell’utente.
  3. L’utente esce dal tuo sito senza aver acquistato. (Perché ci deve pensare, perché al momento non ha tempo, perché vuole valutare altre opzioni… ci sono un sacco di ragioni)
  4. Un tuo annuncio compare davanti all’utente parlandogli proprio del prodotto che aveva visto.
  5. L’utente ci clicca e torna sul tuo sito web.

Perché fare Remarketing?

Il remarketing ti permette di puntare solo i potenziali clienti realmente interessati alla tua offerta.

Hanno già visitato il tuo sito. Ti conoscono. Può arrivare a farti più che triplicare i risultati di una tua campagna online.

È fondamentale:

  • A livello di Targetizzazione perché con pochi centesimi segui persone realmente interessate.
  • A livello di Conversioni perché è più facile portare le persone all’acquisto dato che ti conoscono.

 

Come fare Remarketing?

La strategia da adottare è veramente semplice. Prima di tutto bisogna installare codice di monitoraggio sul tuo sito. Ovvero una funzione per tracciare cosa fanno i visitatori sul sito. Questa è un’operazione abbastanza facile.

Poi bisogna scrivere un annuncio che porti al tuo sito, o comunque creare una strategia che attiri i tuoi clienti sui tuoi contenuti.

A questo punto, chi entra nel tuo sito verrà intercettato e seguito, da qui in poi le tue conversioni inizieranno ad aumentare veramente!

Una buona idea di post per il remarketing è una testimonianza video. Questo perché crea fiducia nel cliente interessato e allo stesso modo ti dà la possibilità di spiegare nel dettaglio come funziona il tuo prodotto.

3 Strumenti per Fare Remarketing

È possibile attivare campagne di Remarketing sulla Rete Display di Google attraverso Google AdWords, oppure su Facebook, grazie al Pixel di Facebook.

Google Ads

Quando parliamo di Google Ads, solitamente intendiamo la rete di ricerca per parole chiave (trovi più informazioni in questo articolo), ma puoi utilizzare un altro strumento di Google, ovvero la rete Display.

Gli annunci Display sono degli spazi pubblicitari che i siti mettono in vendita. Tu li puoi acquistare per fare remarketing.

Un utente visita il tuo sito, viene tracciato in Google Analytics, però poi esce senza acquistare. L’utente va poi a leggere un po’ di notizie sul sito de Il sole 24 ore e BAM gli compari di nuovo davanti.

Questo ti dà anche autorità perché penserà tu ti sia messo d’accordo con il giornale.

Facebook Ads

Il tanto amato Facebook Pixel. Facebook ha fatto scuola per quanto riguarda il Remarketing e il motivo è presto detto: la gente navigava seriamente sui vari siti. Cercava, si informava, studiava. Tutto questo movimento stanca le persone. Quindi dopo 10 minuti passavano su Facebook a cazzeggiare.

Apri Facebook e ritrovi proprio il prodotto che avevi visto. Lo ritrovi oggi, lo ritrovi domani, dopodomani. Così per una settimana. Alla fine apri la pagina e ti informi un po’ di più. Piano piano ti avvicini all’acquisto e alla fine, finalmente, compri!

Ci sono un po’ di cose da dire però:

  • IOS 14, come vedremo più avanti nell’articolo, ha cambiato un po’ le carte in tavola, facendo diventare tutto più difficile.
  • Il Pixel di Facebook condivide le informazioni con Facebook. È un discorso complesso, ma anche i tuoi competitors possono acquistare informazioni. Ma il discorso è veramente complesso.

ActiveCampaing

ActiveCampaing si può usare per diversi sistemi di Remarketing. Una persona:

  • lascia il carello abbandonato e tu lo segui per fargli completare la transizione.
  • acquista e tu gli proponi dei prodotti di up-sell e cross-sell.
  • visita una pagina specifica del tuo sito, e tu gli proponi quel contenuto. Vede un prodotto e tu gli mandi un’email con scritto “sei interessato a saperne di più di [ nome del prodotto che ha visitato].

IOS 14 e il Remarketin

Il cambiamento della privacy introdotto da Apple prenderà forma nel cosiddetto “App Tracking Transparency (ATT)” Framework. Da ora si dovrà richiedere il consenso esplicito degli utenti per poter collezionare i dati.

Il 90% delle persone non sta dando questo consenso e le attività di retargeting diventano impossibili da effettuare.

Naturalmente l’opzione retargeting rimarrà attiva per Android.

Richiedi un’analisi di Marketing a Risposta Diretta:

I tempi sono cambiati. Non basta lavorare bene e sperare nel passaparola per gestire un’azienda. Devi cambiare. Evolverti. Se stai leggendo questo articolo hai già iniziato a cercare una soluzione nuova. Quel “click” che ti farà cambiare passo.

Il rischio è di finire nel dimenticatoio. Essere una fra le tante aziende che ogni giorno sparisce a causa di Google, Amazon o qualsiasi altra grossa azienda.

Ma non deve essere per forza così. Tu puoi fare la differenza. So che possono sembrare le solite parole a vuoto, ma ti dimostreremo che non è così.

Ci sono alcuni passaggi obbligatori da fare però:

  • Differenziazione: devi rispondere alla domanda “perché i clienti dovrebbero comprare da te?“.
  • Controllo: senza il monitoraggio dei numeri non puoi sapere come stanno cambiando le cose.
  • Proattività verso i clienti: per crescere devi andare alla ricerca dei clienti. Scovarli, acquisirli e mantenerli. Online ed offline.

In questo si basa il Marketing a Risposta Diretta. Questo è quello in cui crediamo. Questo è ciò che facciamo ogni giorno.

Se vuoi sapere se facciamo al caso tuo, clicca sull’immagine qua sotto ed inserisci i tuoi dati, un nostro consulente ti richiamerà il prima possibile per una prima chiamata conoscitiva di 10-15 minuti:

Riguardo a Comunicafacile Staff

Branding , Web Design & Marketing. Comunicafacile affianca con successo gli imprenditori nella trasformazione digitale dell’ azienda. Comunicafacile parte dai reali bisogni degli imprenditori fornendo soluzioni concrete e funzionali.

Guarda Anche

Quanto dovrei spendere su Facebook?

Quanto dovrei spendere su Facebook?

La domanda di tutte le domande, l’origine del tutto: “Ma quanto dovrei spendere su per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *