Home / Marketing / Proteggere i dati da ransomware Cryptolocker
cryptolocker virus
cryptolocker virus

Proteggere i dati da ransomware Cryptolocker

cryptolocker virus
Cryptolocker virus

C’è una nuova ondata di Cryptolocker, attenzione a non abbassare la guardia!

Nelle ultime settimane è tornato alla ribalta il pericoloso ransomware Cryptolocker. Ransomware si riferisce a una classe di malware che tiene in ostaggio i dati contenuti in un computer, fino a quando l’utente paga un determinato importo in denaro, così da ricevere istruzioni specifiche per sbloccarlo. Il Ransomware Cryptolocker, una volta eseguito, ha la capacità di infettare il sistema criptando quasi immediatamente tutti i dati presenti sul disco rigido e richiedendo poi un pagamento all’utente. Attenzione però, il pagamento del riscatto non garantisce il ripristino della normalità.

 

Il segreto per difendersi?

Prevenire e proteggersi – Per proteggersi da Cryptolocker bisogna adottare comportamenti responsabili. È fondamentale per gli utenti prestare sempre la massima attenzione agli allegati che si ricevono tramite la posta elettronica, che spesso si spacciano per resoconti contabili, fatture o richieste di pagamento urgente  e pensare due volte prima di aprirli. Inoltre è buona prassi effettuare regolari backup dei dati, ma è strategicamente importante implementare difese adeguate per non far agire il malware, negandogli sin da subito la possibilità di infettare il sistema. I prodotti che noi proponiamo implementate da Trend Micro proteggono qualsiasi tipo di azienda con soluzioni costruite appositamente su misura. Noi consigliamo i servizi integrati delle soluzioni Trend Micro che verificano  automaticamente la reputazione  e la categorizzazione dei siti Internet visitati e sono in grado di rilevare se il malware sta cercando di attivarsi, nel momento in cui si collega all’URL per ricevere la chiave di crittografia, impedendogli così di compromettere il sistema.

 

Nessuno oramai è immune….

Adesso i virus informatici stanno prendendo in ostaggio non solo i computer, ma anche i Mac di Apple solitamente a prova di hacker. A rivelarlo è proprio la prima campagna della società di ricerca Palo Alto Networks contro questo tipo di attacco informatico. Dopo essere stata messa al corrente, la Apple è corsa ai ripari per evitare files infetti anche se le misure adottate non aiuteranno coloro che sono stati già colpiti. Il ransomware colpisce attraverso Trasmission, un’applicazione usata per trasferire file attraverso la rete peer-to-peer di BitTorrentScaricando una versione “infetta” dell’app gli utenti hanno ricevuto anche il virus “KeRanger” che resta dormiente tre giorni per poi bloccare i dati presenti sul Mac e chiedere un pagamento per rilasciarne i dati. Il ransomware è una delle minacce informatiche emergenti più urgenti.

Di recente è finito sui giornali di tutto il globo il maxi attacco subito da una clinica di Hollywood, costringendola a pagare un riscatto di 17mila dollari. Alcuni di questi attacchi stanno avvenendo anche in Italia. La Polizia Postale ha emesso un nuovo avviso per mettere in guardia gli utenti da una nuova ondata di attacchi attraverso e-mail, che contenevano il Virus Cryptolocker.

Per saperne di più contattataci allo 0425 423000 oppure scrivi a info@ngsrl.com

Vieni a trovarci nel nostro sito www.ngsrl.com

Riguardo a Luca Milan

Luca Milan
Con un credo che travalica ogni ostacolo, forte di una esperienza pluriennale e studi mirati nel campo della Information Technology, sapientemente mesce ogni aspetto di NG, assicurando efficienza, velocita’ e completezza di risposta.

Guarda Anche

Real time marketing

Come il pesce d’aprile può tornare utile alla tua impresa

Hai presente quando il lunedì mattina in ufficio tutti parlano della partita della domenica? Questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *