Home / Marketing / Hashtag: ecco perchè non dovresti sottovalutarli
Come utilizzare gli hashtag nei social

Hashtag: ecco perchè non dovresti sottovalutarli

Hashtag: ecco perchè non dovresti sottovalutarli

#Davvero? si DAVVERO! purtroppo li ignori e li odi, ma questo solo perchè si sono ormai trasformati in una moda, se non anche in un vero e proprio modo di parlare tra i giovani e non solo…

Semplici cancelletti ma dalle proprietà magiche, attenzione però, non sono per tutti!

Per le persone sono un semplice divertimento: #MAIUNAGIOIA lo avete mai sentito? ecco… ma per chi lavora nel settore del marketing, probabilmente come te, possono creare una vera e propria comunicazione efficace per un target di riferimento.

Li troviamo ovunque: nelle didascalie delle foto, nelle annotazioni degli eventi più importanti, ecc…

Si possono inventare hashtag personalizzati per creare, educare, formare, ed influenzare il target audience, e se i vostri seguaci sono appassionati dei vostri prodotti o servizi, ultimamente funzionano molto i contest.

Lo sapevi che oggi si può addirittura registrare un hashtag ad uso esclusivo per impedire che venga utilizzato da altri?

Ad ogni social il suo #

Abbiamo detto che gli hashtag hanno un ruolo preciso per ogni social network, vediamoli.

Twitter

In questo social vengono pubblicati oltre 500 milioni di tweet ogni giorno e con i nostri amici cancelletti possiamo raddoppiare la visibilità, individuare le informazioni utili e non perdere le chat interessanti.

Secondo dati statistici, i cancelletti vengono utilizzati solo dal 24% degli utenti. I messaggi che contengono # hanno maggiori possibilità, ma il consiglio è quello di non utilizzarne più di due per post.

Se siete pratici di Twitter, noterete a sinistra della homepage, uno spazio dedicato agli hashtag di tendenza, ovvero quelli che le persone usano e guardano maggiormente: utilizzali e cavalca l’onda della tendenza!

Instagram

Come forse avrai notato, sotto alle foto di Instagram, si presentano una marea di #, ma che significato hanno alcuni ti chiederai? beh sappi che in questo social più sono e meglio è perchè caricare una foto senza hashtag significa ampliare la visibilità anche a chi non ti segue.

E’ quindi consigliabile metterne il più possibile (con un limite di 30 ovviamente).

Un trucchetto? aggiungi altri hashtag nei commenti, non più di 5, dopo un po’ eliminali e sostituiscili con altri, in questo modo aggiornerai il post e ne aumenterai la visibilità.

Google +

In questo social è consigliabile utilizzare 3-5 hashtag per post, lo stesso social ti suggerisce delle varianti, ma non sempre sono le più adatte. Anche qui, se inserisci hashtag nei commenti come per Instagram, raddoppierai le chance di essere trovato.

Facebook

Facebook è una storia a parte. Possono diminuire la copertura dei post, ma questo non significa che non debbano essere usati! possono infatti essere utili per catalogare i contenuti.

Se da una parte Twitter ha come scopo il coinvolgimento delle persone, Facebook è stato pensato come una piattaforma per comunicare con gli amici.

Gli strumenti per la ricerca degli hashtag

Gli hashtag sono come le parole chiave, devono quindi essere pertinenti al contesto. Esistono strumenti speciali da utilizzare per trovare le espressioni più ricercate sulla rete.

I principali sono:

1) Ritetag

2) Hashtagify

3) SEMrush

4) Keywordtool.io

5) TweetBinder

6) Keyhole

7) Topsy

8) Iconosquare

Questa è la teoria, pianifichiamo la pratica insieme per ottenere veri risultati!

Save

Riguardo a admin

Avatar

Guarda Anche

Real time marketing

Come il pesce d’aprile può tornare utile alla tua impresa

Hai presente quando il lunedì mattina in ufficio tutti parlano della partita della domenica? Questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *