Home / Content Marketing / GDPR, Tutto ciò che bisogna sapere per essere in regola
GDPR, TUTTO CIO’ CHE BISOGNA SAPERE PER ESSERE IN REGOLA

GDPR, Tutto ciò che bisogna sapere per essere in regola

GDPR, TUTTO CIO’ CHE BISOGNA SAPERE PER ESSERE IN REGOLA

Dal 25 maggio 2018, entrerà in vigore in tutti gli Stati membri il Regolamento UE 2016/679, conosciuto come GDPR (General Data Protection Regulation) – con l’obiettivo di tutelare le persone fisiche dal trattamento e dalla libera circolazione dei dati personali.

Il GDPR è stato ideato per armonizzare e semplificare le norme riguardanti il trasferimento di dati personali dall’Unione Europea verso altri parti del mondo. L’email marketing, che comprende la raccolta di dati personali dei contatti (come indirizzo email e nome), deve porre ancora più attenzione al consenso per il raccoglimento dei dati dei contatti.

Le aziende utilizzano il consenso degli utenti per elaborare i dati. In questa guida, illustreremo alcuni esempi di come si possono creare dei form sul tuo sito web che richiedano il consenso al GDPR.

Il consenso legale al GDPR deve essere espresso in modo informativo ed esplicito. Le aziende hanno l’obbligo di informare gli utenti sulla elaborazione dei dati “in modo conciso, trasparente, intelligibile e accessibile, utilizzando un linguaggio chiaro e semplice.”

Questo significa:

  1. Un individuo deve avere la possibilità di scegliere se fornire il proprio consenso o meno. Un form con la casella con la spunta automatica, non qualifica il consenso dell’utente al GDPR, perché rimuove l’azione affermativa di fornire il proprio consenso.
  2. La scelta di fornire il proprio consenso deve essere distinguibile e separata da altre iniziative. Ciò significa che agli individui non può essere richiesto di fornire il proprio consenso in cambio della ricevuta di un prodotto o un servizio.

Puoi ottenere un form GDPR-friendly permettendo agli utenti di:

  1. Utilizzare quadratini dei form senza la spunta automatica
  2. Creare un form che prevede la rinuncia alla deroga.

Puoi utilizzare le caselle di spunta in un form di lead generation sul tuo sito web per ottenere il consenso da nuovi lead.

Il tuo form GDPR-friendly dovrebbe:

  • Fornire una chiara spiegazione all’utente delle informazioni che riceverà compilando il tuo form
  • Includere delle caselle di spunta non pre-compilate che l’utente dovrà riempire per completare il form, accettando i termini di servizio e la privacy policy.
  • Fornire una casella di spunta per ottenere il consenso al trattamento dei dati personali per qualsiasi attività aziendale che preveda l’elaborazione dei dati personali. (Ricorda che ogni attività deve essere distinguibile in modo chiaro e richiedere separatamente il consenso).
  • Devono essere presenti dei link ai termini di servizio e alla politica sulla privacy. Per assicurarti che sia chiaro che le informazioni che sono state fornire e accettate, includi questi link nel testo del form accanto ad una casella di spunta per far sì che gli utenti accettino i meno i tuoi termini di servizio e la tua politica sulla privacy.

Ecco l’esempio standard di un form di lead generation per ottenere il consenso attraverso le caselle di spunta:

image

 

 

CONSESO DAI FORM UTILIZZANDO L’OPZIONE DI CONFERMA

Puoi utilizzare l’opzione di conferma in aggiunta o al posto dei classici form con le caselle di spunta, a seconda delle tue esigenze. I form con l’opzione di conferma sono utili quando vuoi consentire ai tuoi nuovi contatti di accettare di far parte della tua lista di email marketing.

L’opzione di conferma è conosciuta anche come double opt-in, che prevede un ulteriore passaggio per confermare l’iscrizione. Una volta compilato il form e inviata la richiesta, è necessario un clic nell’email di conferma inviata automaticamente al nuovo contatto. Un metodo per accertarsi che l’indirizzo email inserito sia valido e di effettiva proprietà dell’utente.

Il modo più semplice per ottenere il consenso dai tuoi contatti è di ottenere sempre la conferma da tutti i tuoi form. Se un contatto non ha cliccato sul link di conferma, sarà presente nella tua lista di contatti email come “Contatto Non Confermato”. Quando invii delle email ad una lista, le tue email verranno inviate solo agli utenti che sono attivi, quindi gli utenti che non sono stati confermati non riceveranno alcuna email.

 

OTTENERE CONSENSI DAI CONTATI GIA’ PRESENTI

Adesso che hai aggiornato tutti i form del tuo sito web, sei pronto per raccogliere i consensi anche da tutti i nuovi contatti che visitano il tuo sito web e compilano i form.

Ma il lavoro non è ancora finito. Devi ottenere il consenso anche dai contatti che possiedi già. Se i consensi che hai ottenuto finora non riguardavano il GDPR, dovrai richiedere di nuovo il consenso utilizzando dei form aggiornati in modo da richiedere il consenso al GDPR.

Se utilizzi dei form con delle caselle di spunta, puoi aggiungere un form con un’automazione integrata che ha come obiettivo il consenso al GDPR. L’idea è quella di ottenere l’accettazione al GDPR e far sì che i contatti inviino il form che la spunta nelle caselle necessarie.

Ecco un esempio:

image

 

Il resto del processo di automazione avrà questi passaggi:

image

 

In questo esempio, l’automazione invierà delle email contenenti il link ad un form specifico, denominato “Contatti EU”. Se un contatto non raggiunge l’obiettivo di fornire il proprio consenso dopo 3 giorni, l’automazione gli invierà un promemoria.

Se un contatto non ha ancora dato il proprio consenso, l’automazione prevederà un altro tag “GDPR – segnato per cancellazione.”

 Da qui in poi, potrai scegliere di disiscrivere i contatti che non hanno accettato il GDPR o creare un segmento di contatti a cui non invierai le email.

PER SCARICARE LA NOSTRA NUOVA GUIDA GRATUITA SUL CONTENT MARKETING

 

Riguardo a Comunicafacile Staff

Branding , Web Design & Marketing. Comunicafacile affianca con successo gli imprenditori nella trasformazione digitale dell’ azienda. Comunicafacile parte dai reali bisogni degli imprenditori fornendo soluzioni concrete e funzionali.

Guarda Anche

LE 5 MIGLIORI PUBBLICITÀ DI TUTTI I TEMPI

Le 5 migliori pubblicità di tutti i tempi

Perché queste campagne pubblicitarie sono le migliori di tutti i tempi? Perché l’impatto che hanno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *