15 dicembre 2018
Home / Marketing / COME FUNZIONA WHASTAPP BUSINESS
COME FUNZIONA WHASTAPP BUSINESS E COME FARE WHATSAPP MARKETING

COME FUNZIONA WHASTAPP BUSINESS

COME FUNZIONA WHASTAPP BUSINESS E COME FARE WHATSAPP MARKETING

WhatsApp ha ufficialmente lanciato la versione aziendale, WhatsApp Business, per velocizzare la comunicazione con i clienti. L’Italia è uno dei cinque paesi in tutto il mondo dove è già disponibile l’app, insieme a Stati Uniti, Regno Unito, Messico e Indonesia, con il rilascio globale che avverrà nel corso delle prossime settimane. L’applicazione apre così alle aziende e akke PMI, offrendo alcune funzioni su misura che si differenziano dalla versione standard.

Nel nostro paese, l’app acquisita quasi quattro anni fa da Mark Zuckerberg per 19 miliardi risulta per il 69% delle piccole e medie imprese (PMI) uno strumento che agevola la comunicazione con i clienti, mentre per il 52% è parte integrante della crescita del proprio business (la fonte è uno studio di Morning Consult), e la versione aziendale consentirà loro di rispondere facilmente alle richieste dei clienti, dividere i messaggi personali da quelli di lavoro e avere una presenza ufficiale sulla piattaforma con un profilo verificato.

WhatsApp Business per le aziende

Al momento Whatsapp Business è disponibile solo per i dispositivi Android, (si scarica gratuitamente su Google Play Store e più avanti arriverà la versione per iOS) e in versione web per inviare e ricevere messaggi anche via computer, l’applicazione mantiene l’identico aspetto grafico ma consente alle aziende di mostrare a clienti e curiosi le informazioni utili della propria attività, dall’indirizzo al sito web, all’email.

Le novità più importanti introdotte da WhatsApp Business sono:

  • Profilo dell’attività: permette ai clienti di trovare facilmente informazioni utili sull’azienda, come la descrizione dell’attività, indirizzo, email, e sito web.
  • Strumenti di messaggistica: risposte rapide e automatiche per rispondere velocemente alle domande più frequenti, i messaggi di benvenuto per presentare l’attività ai nuovi clienti, e i messaggi d’assenza per far loro sapere quando non si è disponibili.
  • Statistiche sui messaggi: controllo di semplici dati statistici, come il numero di messaggi letti, per individuare le strategie di marketing più efficaci.
  • Tipo di account: quando le persone scrivono ad uno specifico account Whatsapp, sapranno che si tratta di un’azienda perché l’account stesso verrà identificato come un account business grazie ad un sistema di identificazione.

Risultati immagini per whatsapp business

Tutto questo potrebbe rappresentare solo un primo passo verso una rivoluzione più ampia. Da tempo infatti si vocifera di WhatsApp Pay, ovvero un’ipotetica piattaforma di pagamento da integrare direttamente nell’app di messaggistica. Una prospettiva che, alla luce di WhatsApp Business, ricopre un ruolo decisamente più importante.

Gli utenti WhatsApp potranno continuare a usare la loro applicazione senza bisogno di scaricarne una nuova e continueranno ad avere pieno controllo dei messaggi che ricevono, inclusa la possibilità di bloccare qualsiasi numero (compresi i numeri delle attività) e di segnalare messaggi di spam.

Perchè scaricare l’app di WhatsApp Business?

Perchè può aprire ad un mondo di nuove possibilità, dato che è un’app utilizzata da 1.3 miliardi di utenti al mondo. Ricorda che WhatsApp è gratis e non ha pubblicità, quindi in futuro è possibile che implementeranno dei modi per monetizzare sull’applicazione. Inoltre, WhatsApp afferma che in paesi come l’India e il Brasile, più dell’80% delle aziende utilizzano l’app di messagistica per interagire con i propri clienti.

Scarica ora la nostra nuova guida GRATUITA sull’Inbound Marketing!

CLICCA QUI

Riguardo a Comunicafacile Staff

Comunicafacile Staff
Azienda informatica giovane e dinamica che si occupa di grafica, web marketing e comunicazione.

Guarda Anche

COME UTILIZZARE LE DIRETTE DI FACEBOOK

COME UTILIZZARE LE DIRETTE DI FACEBOOK: LA GUIDA 

COME UTILIZZARE LE DIRETTE DI FACEBOOK: LA GUIDA  Nell’aprile del 2016, Facebook ha introdotto le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *