Home / Marketing / Fallimento Mercatone Uno: impara la lezione e a non commettere gli stessi errori!
Fallimento Mercatone Uno

Fallimento Mercatone Uno: impara la lezione e a non commettere gli stessi errori!

E’ una giornata come le altre, ti svegli la mattina e la prima cosa che desideri è una tazza di caffè per far partire la giornata con la giusta carica.

Ti infili i soliti pantaloni che un po’ hai iniziato ad odiare, ma non è colpa loro né tua, è colpa della routine.

Sei tranquillo e sereno, la giornata procede come al solito, nulla coglie la tua attenzione.

Finché, mentre passa alla radio la tua canzone preferita, arrivi a lavorare.

Ed ecco che la tua routine viene spezzata, rotta, frantumata… per sempre.

No, nessuno si è fatto male, semplicemente ti trovi davanti al tuo lavoro, ma stavolta non entri come al solito senza prestare attenzione al vaso di fiori perennemente rovesciato.

Stavolta l’attenzione cambia e la tua vita di conseguenza.

Tutto si fa buio, ti guardi attorno e noti che tutti hanno la tua stessa espressione.

Quel senso di vuoto che vi accomuna risuona a chilometri di distanza.

Cos’è successo?

CHIUSO PER FALLIMENTO.

Fallimento Mercatone Uno

Di solito non funziona così.

Di solito ti avvisano per tempo, in modo che tu possa trovare una sistemazione, di solito ti danno delle garanzie… qualcosa a cui ancorarti.

In questo caso, nella storia che ti sto per raccontare no.

Siamo arrivati al limite.

Un’azienda costretta a chiudere di notte per fallimento, senza dire nulla ai propri dipendenti che, ignari di tutto ciò, si sono recati da bravi lavoratori come ogni mattina al proprio posto di lavoro ma, ahimè, l’unica cosa che si sono trovati davanti è stata la saracinesca. CHIUSA.

Incredibile tutto ciò non è vero?

Eppure è successo al Mercatone Uno, storica azienda che negli anni non ha mai avuto problemi di nessun tipo!

Shernon Holding, società che meno di un anno fa aveva acquisito ben 55 punti vendita dello storico marchio, il quale aveva accompagnato i trionfi ciclistici di Marco Pantani, è stata dichiarata fallita dal tribunale di Milano.

Ne parla Il Resto del Carlino:

“Poco più di un mese fa, Shernon Holding aveva presentato domanda di ammissione al concordato preventivo, procedura alla quale possono aderire aziende in crisi nel tentativo di arrivare a un risanamento.

Nel caso specifico, si cercava di allargare la compagine sociale.

Il piano però è naufragato. 

La richiesta è stata respinta dal Tribunale, “avendo riscontrato un indebitamento complessivo maturato in soli 9 mesi di attività per oltre 90 milioni, perdite gestionali fisse di 5-6 milioni al mese, la totale assenza di credito bancario e di fiducia da parte dei fornitori”, come ha spiegato il curatore Marco Angelo Russo.

Secondo Russo, “la verifica ha dato esito negativo, perché i costi da affrontare per esercitare l’attività erano irrimediabilmente e notevolmente superiori ai possibili ricavi e quindi era impossibile proseguire l’attività senza arrecare gravi pregiudizi ai creditori”.

Ed è allarme tra i lavoratori, che hanno scoperto nella notte via Facebook e Whatsapp la notizia e questa mattina hanno dato vita a picchetti e presidi davanti ai punti vendita chiusi in tutta Italia.”

Purtroppo questa non è la triste storia di un lavoratore ma bensì di 1800 dipendenti del Mercatone Uno, sparsi in giro per il Paese.

Ma il problema non finisce qui.

Oltre ai dipendenti, quella mattina, davanti alle porte ormai chiuse del Mercatone Uno erano presenti i clienti, anch’essi ignari di tutto, recati nei punti vendita per ritirare la merce sulla quale avevano già versato degli acconti, anche di migliaia di euro!

Risultato?

Dipendenti senza un lavoro, clienti con soldi “rubati” e un Italia sempre più sfiduciata dalla sua stessa società.

(poi si chiedono perché noi italiani ci facciamo mille paranoie)!

Non è facile essere a capo di un’azienda lo capisco, soprattutto nel nostro Paese e soprattutto in un mondo in cui ogni settore è ormai saturo di aziende “cloni” che fanno la STESSA.IDENTICA.COSA.

E’ proprio qui il punto.

Nel 2019 per essere diverso l’uno dall’altro è essenziale fare l’esatto opposto del gregge, della massa…oppure inventare il prodotto rivoluzionario!

Mercatone Uno andava forte in quanto Azienda storica, ma se ora stiamo qua a guardare quante aziende fanno le stesse identiche cose, fammi dire che la lista è più lunga di mia madre quando va a fare la spesa (e fidati, nonostante le “tre cose scritte” finisce per comprare tutto il supermercato perché “non si sa mai”)!

Bando alle ciance, torniamo alle cose serie, quelle che funzionano davvero senza ritrovarsi a chiudere dal giorno alla notte.

POSIZIONARSI.

E’ questa la parola d’ordine che direbbe Harry Potter se il film fosse ambientato ai giorni nostri e tra le aziende.

Se non ti posizioni, l’unica cosa a cui andrai incontro è solamente un Voldemort (il cattivo della saga di Harry Potter) che senza pietà ti ucciderà con uno spietato AVADA KEDAVRA (per chi non ha visto i film, è la formula per uccidere sul colpo).

COSA SIGNIFICA POSIZIONARSI?

Per farti capire meglio e subito, non voglio andare su troppi tecnicismi, ma voglio farti un esempio concreto.

Ci tengo a questo concetto e questo è il modo migliore e più diretto per esprimerlo e fartelo capire.

Il pacchetto che vedi qui sopra è di un nostro cliente: Antismoking Vicenza.

No, se te lo stai chiedendo non è l’ennesimo negozio di sigarette elettroniche fuffa soldi per “aiutarti a smettere di fumare”!

Antismoking Vicenza è un metodo per smettere di fumare in soli 20 minuti con la riflessologia auricolare.

Abbiamo aiutato i ragazzi di Antismoking Vicenza a piazzare il prodotto e a comunicarlo efficacemente.

Vuoi sapere una cosa bellissimissimaaaa?

Non abbiamo fatto alcuna fatica!

Applicati tutti i canoni del marketing a risposta diretta (di cui ti abbiamo parlato in questo articolo), i risultati non hanno tardato ad arrivare.

Proprio grazie agli ottimi risultati ottenuti, abbiamo deciso di mettere il trattamento online, sotto formula del pacchetto che hai visto nella foto in alto, attirando le persone interessate, con uno sconto del 10% solo per l’acquisto online.

Neanche a dirlo e il successo è arrivato fin da subito.

COSA IMPARARE DA QUESTO ESEMPIO?

Posizionarsi con un metodo/ prodotto/servizio unico è essenziale.

Ah, non ti ho rivelato la cosa di cui, le persone interessate, non possono fare a meno!

Nel pacchetto, oltre alla prima seduta, sono comprese:

  • 4 sedute GRATUITE sia in caso di ricaduta sia in caso di prevenzione
  • 1 integratore fitoterapico per promuovere il rilassamento e favorire il trattamento Antismoking

CONCLUSIONE? un fumatore o una persona che vuole bene ad un fumatore, non può fare a meno che scegliere questo trattamento per decidere di smettere di fumare!

Detto questo…

Io non ti conosco, non so che faccia tu abbia, non so quale sia la tua impresa e se applichi i concetti del Marketing a risposta diretta.

Ma voglio dirti una cosa…

La notizia del Mercatone Uno mi ha letteralmente sconvolta, per cui voglio metterti faccia a faccia con gli errori da non commettere per arrivare a tal punto.

Li ho raccolti in un Report.

E ho sviluppato le soluzioni per evitarli.

Per leggerlo ed imparare ad evitare gli errori che ti rivelerò (di cui probabilmente sei all’oscuro ma stai già commettendo) ti basta cliccare sull’immagine qui sotto e ti invierò personalmente il report in modo totalmente GRATUITO.

Prenditi due minuti, fallo per la tua azienda, fallo per te.

Riguardo a Ilaria Malin

Ilaria Malin
Inconsapevolmente, siamo il marketing di noi stessi. È nella nostra natura comunicare, ed ogni essere umano comunica in ogni istante se stesso agli altri. Nella mia natura non posso fare a meno di tre cose: esplorare, osservare e ascoltare, anche le piccole cose. Cerco sempre il diverso, e chi vuole essere diverso.

Guarda Anche

Marketing piccole aziende di Rovigo

Come avere un Delegato Marketing nella tua piccola azienda, senza pagare 2000€ di stipendio!

Se sei un imprenditore che è quasi (ma non del tutto) soddisfatto della sua azienda …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *