Home / Marketing / Facebook e la nuova intelligenza artificiale per prevenire i suicidi

Facebook e la nuova intelligenza artificiale per prevenire i suicidi

Facebook grazie all’intelligenza artificiale aiuterà gli utenti a rischio di suicidio

facebook suicidi intelligenza artificiale

In risposta all’allarmante trend degli utenti di immortalare in diretta i momenti più disparati della loro vita su Facebook Live, Facebook ha annunciato mercoledì 2 Marzo 2017 l’aggiunta di nuovi strumenti per cercare di aiutare tutte quelle persone a rischio di suicidio, così come la famiglia e gli amici della potenziale vittima.

Le nuove funzionalità sono simili a quelle che Facebook aveva già implementato nel 2015, dove gli utenti potevano segnalare all’azienda post e foto potenzialmente a rischio.

Ora queste risorse sono state estese anche a Facebook Live, per mettere in contatto gli utenti a rischio con il National Suicide Prevention Lifeline, il National Eating Disorder Association e il Crisis Tex Line.

Una volta che un video è stato segnalato e Facebook stabilisce che l’utente potrebbe aver bisogno di aiuto, riceverà in tempo reale delle risorse per prevenire il suicidio. Facebook inoltre permetterà a chi segnala il video di poter comunicare con l’amico in pericolo.

Facebook spiega queste nuove importanti funzionalità in un articolo del blog ufficiale:

“Oggi stiamo aggiornando gli strumenti e le risorse per gli utenti a rischio di suicidio, fornendo supporto agli amici e ai membri della famiglia:

  • Strumenti integrati di prevenzione al suicidio per aiutare le persone in tempo reale su Facebook Live
  • Chat di supporto in tempo reale con organizzazioni di supporto attraverso Messenger
  • Segnalazioni per suicidio prontamente assistite dall’intelligenza artificiale

Questo annuncio arriva poco dopo una pungente dichiarazione che aveva rilasciato Mark Zuckerberg nei giorni scorsi, ponendo l’attenzione su questo allarmante trend: “Ci sono miliardi di post, commenti e messaggi condivisi sulle nostre bacheche ogni giorno e, dal momento che non è possibile analizzarli tutti, analizziamo solo i contenuti che ci vengono segnalati. Ci sono stati eventi tragici, come suicidi, o morti in diretta – e forse avremmo potuto prevenirli se qualcuno avesse capito cosa stava per accadere e ce lo avesse segnalato prima. Ci sono casi di bullismo e di violenza ogni giorno: il nostro team dovrebbe essere allertato prima. Tutte queste storie ci dimostrano che dobbiamo trovare un modo per fare di più”.

Facebook per individuare gli utenti a rischio sta testando un’intelligenza artificiale in grado di trovare i post segnalati e analizzarli, aiutando gli utenti che potrebbero essere in serio pericolo. L’obiettivo di queste nuove funzionalità è di connettere le persone a rischio con persone che possano aiutarli.

Con l’avvento della tecnologia, sono stati segnalati 7 suicidi in diretta, riporta Dan Reidenberg, il direttore esecutivo di Save.org. Ogni giorno si conta una morte per suicidio ogni 40 secondi, e il suicidio rappresenta la seconda causa di morte nei giovani tra i 15 – 29 anni. Secondo il National Center for Health Statistics, il tasso di suicidi ha raggiunto l’apice di questi tre ultimi decenni.

Ma perché Facebook è così preoccupato?

Secondo gli esperti, la ragione principale è l’effetto Werther, ovvero il contagio di suicidio. “Se qualcuno è stato esposto a un tentato suicidio o alla morte di un amico, il rischio che abbia tendenze suicide aumenta vertiginosamente.”

Il fulcro del problema quindi non è tanto il singolo individuo, ma tutte quelle persone che entrano in contatto con un video o un post dalle tendenze suicide. E dato che noi umani siamo saturi di immagini e filmati negativi e violenti, questi video possono diventare virali in pochi secondi. In caso di un suicidio in diretta, il contagio potrebbe essere catastrofico – ma soprattutto imprevedibile.

Tuttavia anche se le video dirette potrebbero essere pericolose, e ciò è stato confermato anche dalla comunità interna di Facebook, il motivo per cui il social network non rimuoverà i Facebook Live risiede nella speranza che l’utente possa accettare aiuto.

Facebook assieme ad altri 70 partner, è schierato “nel prevenire il pericolo… nel costruire infrastrutture sociali per aiutare la nostra comunità a identificare i problemi prima che accadano” ha dichiarato Zuckerberg.

Stay tuned, big news will arrive soon!

Riguardo a admin

Avatar

Guarda Anche

Real time marketing

Come il pesce d’aprile può tornare utile alla tua impresa

Hai presente quando il lunedì mattina in ufficio tutti parlano della partita della domenica? Questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *