Home / Email / Come conciliare le pubblicità di Facebook all’email marketing
email marketing NG

Come conciliare le pubblicità di Facebook all’email marketing

Come conciliare le pubblicità di Facebook all’email marketing

Se avete già una lista di iscritti alla vostra newsletter e state cercando dei modi creativi per utilizzare le pubblicità di Facebook, vi interesserà sapere che uno dei modi più efficaci per promuovere la vostra azienda, consiste nel conciliare una valida strategia di email marketing con le Facebook Ads.

In questo articolo vi mostreremo come fare in modo che i vostri contatti ricevino le pubblicità targetizzate di Facebook.

  1. Inviare la pubblicità a tutti gli iscritti alla newsletter

L’obiettivo è creare un messaggio unico attraverso i diversi canali: email da Facebook al sito web.

L’idea è quella di condividere dei contenuti coinvolgenti che fidelizzino i clienti, così che l’audience del tuo email marketing ti aiuterà a condividere il tuo messaggio interagendo con le tue pubblicità, e facendo così da brand ambassador.

Incominciamo dalla segmentazione del target dalla vostra mailing list. Amazon usa proprio questa tattica per ricordare ai propri clienti “L’offerta del giorno”.

amazon pubblicità

Il modo migliore per iniziare è quello di inviare la pubblicità a tutti i vostri contatti, caricando la mailing list come un segmento di pubblico personalizzato.

Il contenuto dell’email deve essere uguale per tutti: per questo motivo accertatevi che il messaggio riguardi un evento o un’offerta vantaggiosa accessibile a tutti.

Dato che il tuo audience conosce già la tua azienda, analizza le metriche di fidelizzazione (‘mi piace’, condivisioni, commenti) per misurare l’efficacia delle pubblicità. Le interazioni del tuo target dimostreranno quanto sono state incisive e hanno colpito il tuo audience, quali risultati hanno avuto più successo.

  1. Email aperte

Il numero degli iscritti alla vostra newsletter è un dato irrisorio se non si tiene conto di chi veramente clicca sulla mail che puntualmente viene inviata. Per questo motivo, segmentate la vostra mailing list e create una lista di chi apre le vostre mail.

Ma non basta, da questi contatti, create una lista ulteriore ed inserite coloro i quali non compiono azioni sui contenuti delle vostre mail.

Creare un pubblico di qualità ed effettivamente interessato, è più importante di una miriade di contatti “poco produttivi”.

Sierra Trading Post ha creato un post su Facebook sponsorizzando un’offerta molto conveniente offrendo uno sconto del 25% e spedizione gratuita sugli ordini maggiori ai 75 dollari.

pubblicità

 Adottando la loro strategia potrete conquistare l’attenzione di chi vi segue ma non è un vostro cliente. Questa tattica servirà ad incrementare la fiducia dei vostri potenziali clienti e ad attirare la loro attenzione.

Per quanto riguarda gli iscritti che non hanno nemmeno aperto l’email, aspetta alcuni giorni e poi includili nel target della tua pubblicità di Facebook. Dato che loro non hanno ancora letto l’email, mostrali lo stesso messaggio. Questo aiuterà la tua azienda ad essere sempre presente a dove si trova il tuo audience.

  1. Segmentare gli iscritti a seconda dell’acquisto

Se avete un sito eCommerce, prendete spunto da Amazon. Avete mai fatto caso che quando state cercando un prodotto, spesso vi appaiono prodotti simili a quello che vorreste comprare?

Questa strategia fa leva sul vostro bisogno di acquisto “correlato”. State acquistando la ciotola per il vostro gatto? Allora perché non prendere anche il tiragraffi?

Questa tecnica è meglio nota come up-selling. L’up-selling è una tecnica di vendita che mira ad offrire al consumatore qualcosa di maggior valore rispetto alla sua scelta d’acquisto iniziale. Gli esempi classici sono l’estensione di garanzia, la proposta di un prodotto di gamma superiore, o il suggerimento di un brand con un margine più alto rispetto alla preferenza inizialmente espressa.

Il cross-selling invece è una tecnica di vendita dei prodotti correlati a quel prodotto che il cliente già possiede (o che sta comprando). Questi prodotti generalmente appartengono a differenti categorie, ma hanno caratteristiche complementari. Come il fieno per la mucca, o le batterie per un orologio da parete.

 amazon up-selling cross-selling

  1. Raggiungere chi non apre le email

Ri-fidelizzare i vecchi clienti è meno costoso che acquisirne dei nuovi. Detto ciò, vi consigliamo un’altra strategia da inserire nella vostra newsletter. Indipendentemente dal settore della vostra azienda create delle promozioni specifiche ogni due/tre mesi. Una strategia tipica delle compagnie aeree alla quale potrete ispirarvi.

rayanair

 

Il modo più efficace per ampliare il proprio audience e raggiungere nuovi clienti è quello di creare target simili a quelli che avete già attirato. Questo sarà utile per allargare i vostri contatti e puntare sempre di più su una strategia di up-selling e cross-selling come quelle che vi abbiamo proposto.

  1. Approfittare dei vantaggi di target simili

Massimizzate il potenziale dei vostri clienti precedenti

Pensate a dei modi per segmentare il tuo audience, a seconda di ciò che vogliono acquistare. Ad esempio potresti segmentare a seconda di criteri come l’età, genere o tipo di prodotto.

Indirizzate le pubblicità di Facebook a tutte quelle persone che già conoscono o hanno sentito parlare del vostro brand, segmentate le mailing list per inviare le pubblicità più avvincenti, e sfruttate le informazioni demografiche di quelli che appartengono già al tuo audience, per trovare nuovi clienti.

Scarica la nostra nuova guida GRATUITA sull’Inbound Marketing

CLICCA QUI

Riguardo a Comunicafacile Staff

Branding , Web Design & Marketing. Comunicafacile affianca con successo gli imprenditori nella trasformazione digitale dell’ azienda. Comunicafacile parte dai reali bisogni degli imprenditori fornendo soluzioni concrete e funzionali.

Guarda Anche

Fuga da Facebook

Fuga da Facebook: le grandi aziende minacciano di non fare più pubblicità

Guai grossi per Facebook che si potrebbe vedere perdere la maggior parte degli introiti pubblicitari. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *