Home / Tattica / Facebook / Come i Big Data hanno sconfitto la Pandemia
Big Data Taiwan

Come i Big Data hanno sconfitto la Pandemia

Dopo Cambridge Analytica i Big Data sono visti come il male sulla terra, ciò nonostante hanno aiutato l’isola di Taiwan a debellare il rischio di pandemia, ma prima di vedere come, facciamo un po’ di chiarezza:

  • Cosa sono i Big Data?
  • Come hanno fermato la Pandemia?
  • Perché ti dico che sono visti come il male sulla terra? (anche se in realtà puoi dormire a sonni tranquilli)

Ma soprattutto:

  • Come e perché influiscono nella tua azienda?

 

Cosa sono i Big Data?

Per farla semplice ed arrivare dritti al punto potremmo dire che i Big Data sono una quantità infinita di dati che possono essere analizzati in tempi istantanei.

Un esempio su tutti sono i dati dei social network. Quando metti un like su Facebook, lui saprà suggerirti contenuti simili. Quando stringi una nuova amicizia, lui saprà suggerirti un’altra amicizia simile e così via.

Moltiplica queste informazione per ogni utente di Facebook ed hai una stima della quantità enorme di dati. Ciò nonostante Facebook non si blocca ma analizzi i dati in tempo reale.

Funziona così in tutti i social, per ogni ricerca Google e in generale per ogni dato che viene messo su internet.

Senza i Big Data Internet non potrebbe esistere, ti garantiscono un’esperienza personalizzata e funzionale.

 

Come hanno contribuito a fermare la Pandemia?

Taiwan è un’isola che ha 24 milioni di abitanti (poco meno del Nord Italia) ed ha avuto soltanto pochi centinaia di pazienti infetti.

Come se non bastasse, l’isola si trova a due passi dalla Cina, Paese dal quale è partita l’epidemia.

Dulcis in fundo ha saputo gestire la crisi sanitaria senza ricorrere ad alcun lockdown.

Come?

Le aziende hanno ricevuto l’ordine di incrementare la produzione di mascherine; applicazioni e Big Data hanno fatto il resto tracciando i soggetti contagiati e controllando che i pazienti a rischio restassero chiusi in casa.

Detta un po’ più semplice: controllando gli spostamenti delle persone infette possiamo scoprire tutte le persone che potrebbero essere contagiate e mettere in quarantena solo quelle.

Morale della favola: pochi casi e niente quarantene di massa.

Stiamo suggerendo di fare così anche in Italia? No perché il discorso è un po’ più complesso, però andiamo avanti a vedere altri 2 punti fondamentali

 

Perché ti dico che i BigData sono visti come il male sulla terra…

Ecco un estratto dal libro: la Dittatura dei Dati:

Sanno cosa compri, chi sono i tuoi amici e come manipolarti.

    • Settanta like erano sufficienti per sapere di quella persona più di ciò che sapevano i suoi amici;
    • Centocinquanta like più di quello che sapevano i suoi genitori;
    • Trecento like più del suo partner;
    • Oltre i trecento si era in grado di conoscere un individuo meglio di quanto conoscesse se stesso.

 

Queste non sono parole di una fanatica complottista ma di una dipendente diretta di Cambridge Analytica. Una ragazza che ha visto ed operato in questa azienda prima che fosse messa sotto processo.

Se ti sei perso ciò che è stato definito “lo scandalo del secolo” devi sapere che Cambridge Analytica era un’azienda che applicava la scienza dei dati e l’analisi psicografica al settore della consulenza politica.

Ha operato prima nell’elezione di Donald Trump a presidente e poi nella vittoria dei sostenitori della Brexit.

Fu messa sotto processo quando il 17 marzo 2018, The New York Times e The Observer hanno denunciato l’uso da parte dell’azienda di informazioni personali di oltre 50 milioni di utenti statunitensi da Facebook senza autorizzazione.

 

…ma in realtà puoi dormire a sonni tranquilli.

Questo fu uno scandalo che colpì il mondo intero ed ora potresti sentirti davvero piccolo e debole nei confronti di questi giganti, ma non è così!

Infatti, sopratutto qua in Europa, la lotta per la privacy è un argomento davvero sensibile nei vertici alti delle istituzioni e si stanno muovendo concretamente perché ad ogni persona venga riconosciuta una vita privata sicura.

Ma come puoi capire, l’analisi dei dati non è un lontano futuro di dispotico, ma una realtà presente.

Perciò andiamo a vedere il punto più interessante:

 

Come e perché i Big Data influiscono sulla tua azienda?

Ti faccio un esempio molto pratico e semplificato perché andare sui tecnicismi sarebbe un’inutile perdita di tempo.

Immagina di essere il proprietario di una palestra e di avere un blog sulla dieta per promuovere la tua attività.

Ogni giorno centinaia di persone leggono i tuoi articoli e vorresti promuoverti a loro attraverso i social per vendere più abbonamenti alla tua palestra.

Ma la gente è pigra. Legge i tuoi articoli e non mette “mi piace” alla tua pagina Facebook.

Grazie alla tecnologia di oggi tu potresti tracciare ogni persona che entra nel tuo sito. O meglio, rintracciare il suo dispositivo per poi risalire alla persona.

Ma questo è illegale.

Ovvero, non puoi usare un dato raccolto senza consenso per risalire alla persona. Non puoi quindi associare una tua visita al sito a un’esatta persona fisica senza il suo consenso.

Cosa puoi fare però.

Puoi installare sul tuo sito uno strumento chiamato “Pixel di Facebook“.

Il Pixel di Facebook raccoglie i dati dei tuoi utenti per te e quando vai a fare una sponsorizzata sulla tua pagina puoi decidere di mostrare il tuo contenuto solo a persone che hanno letto i tuoi articoli.

Questo può essere fatto perché Facebook non ti dice a chi sta mostrando il tuo annuncio. Quindi non sai le esatte persone fisiche. Sai solo che il tuo annuncio sta girando sui social ed è stato visualizzato un certo numero di volte.

Qual è il vantaggio?

  • i tuoi annunci vengono mostrati a persone che già ti conoscono
  • sono sicuramente interessate alla tua attività
  • sono più predisposti a comprare

Che vuol dire?

  • che spendi meno in sponsorizzate e vendi più abbonamenti per la tua palestra.

Ma questo è solo l’inizio…

 

Come funziona un annuncio Facebook:

Puoi chiedere a Facebook di mostrare il tuo annuncio a persone che:

  • Hanno letto i tuoi articoli
  • Vivono entro un tot di km dalla tua palestra
  • Hanno degli interessi particolari.

Ad esempio, ad un ragazzo che segue un sacco di pagine di modelle mezze nude, il testo dell’annuncio che comparirà sarà più o meno così:

Vorresti essere più attraente per conquistare la ragazza dei tuoi sogni?

Lo sapevi che le donne sono evolutivamente portate a preferire gli uomini forti (soprattutto nel tronco e nelle braccia).

Lo rivela uno studio dell’Università di Griffith nel Queensland (Australia)

Infatti bla bla bla…

 

Ad una ragazza che metti mi piace solo a post con poetiche frasi introverse sulla fiducia in sé stessi comparirà invece:

Ti hanno sempre detto che la palestra è un luogo per solo uomini pieni di sé, ma c’è molto di più!

Allenarti costantemente è qualcosa che va ben oltre la salute, il benessere e la forma fisica: lo sport è una scuola di vita.

Qualsiasi attività fisica richiede resilienza, determinazione, motivazione.

Tutto quello che impari tra le macchine di una palestra, lo ritrovi poi sui banchi dell’università o sul desk del tuo ufficio. Allena i tuoi muscoli per rafforzare il tuo spirito.

Infatti bla bla bla…

 

Ancora, ad una persone che segue solo pagine di finanza e che probabilmente è completamente dedito al suo lavoro senza poter mai fare pause potrebbe comparire questo annuncio:

L’attività fisica aumenta notevolmente i risultati lavorativi, infatti: riduce lo stress,aumenta l’energia, stimola la creatività…

Nessuno direbbe il contrario!

Ma richiede una risorsa assai rara e preziosa: il tuo tempo.

Per questo molte persone erroneamente evitano di fare esercizio peggiorando i loro risultati giorno dopo giorno.

Il segreto è quindi ottimizzare ogni secondo di esercizio per andare al massimo e in poco tempo raggiungere risultati che stimolano il tuo corpo.

Per questo nella nostra palestra troverai….

 

Ma sempre dello stesso abbonamento in palestra si tratta.

Leggi di più sulle Campagne Facebook

 

Ma questo è oltremodo scorretto!!!!

No, alla fine non è molto diverso da ciò che succedeva quando andavo da bambino al mercato con mia nonna.

Il venditore provava a rifilare a lei delle mutande nuove e a me una maglia da calcio del mio eroe d’infanzia, ma sempre vestiti della stessa bancherella.

La vendita è sempre stata fatta in base a chi hai davanti. Solo che molte persone non sanno che si possa fare così anche online.

Attenzione!!!

Non credere di diventare ricco con una sponsorizzata su Facebook. Il percorso per far crescere un’azienda è lungo e complesso.

Però devi iniziare a muoverti verso una comunicazione diversa. Più integrata con gli strumenti di oggi:

 

 

Riguardo a Comunicafacile Staff

Comunicafacile Staff
Branding , Web Design & Marketing. Comunicafacile affianca con successo gli imprenditori nella trasformazione digitale dell’ azienda. Comunicafacile parte dai reali bisogni degli imprenditori fornendo soluzioni concrete e funzionali.

Guarda Anche

campagna facebook

Le cose più importante da sapere quando la tua campagna Facebook non converte

La campagna su Facebook è uno strumento sempre più usata dai piccoli imprenditori. Questo perché …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *