19 novembre 2018
Home / Marketing / AMAZON DOMINERA’ LO SPAZIO PUBBLICITARIO DIGITALE?
amazon mercato pubblicitario

AMAZON DOMINERA’ LO SPAZIO PUBBLICITARIO DIGITALE?

AMAZON DOMINERA’ LO SPAZIO PUBBLICITARIO DIGITALE?

Un nuovo report dalla CNBC afferma che molti pubblicitari si stanno focalizzando sui loro budget digitali e stanno dedicando sempre più soldi alle pubblicità di Amazon.

Secondo il report, alcuni di questi pubblicitari stanno ricollocando la metà dei loro soldi precedentemente dedicati alle pubblicità su Google Search, su Amazon: un cambiamento che riflette alcune scoperte importanti sulla crescita della piattaforma di Amazon negli ultimi mesi.

Amazon attualmente è la terza piattaforma pubblicitaria digitale, subito seguita da Facebook e Google. E secondo Ben Winters di Ideoclick – un’azienda che si occupa di ottimizzare le vendite online delle imprese — le entrate delle pubblicità di Amazon stanno crescendo ad un tasso del 5% in più rispetto a quelle di Google.

Amazon può davvero superare i due grandi competitor — Facebook e Google — nell’ambito delle pubblicità digitali? La risposta a questa domanda potrebbe dipendere da due fattori: il comportamento dell’utente e come potrebbe cambiare nel corso del tempo.

Per scoprire cosa s’intende per il comportamento dell’utente, abbiamo deciso di raccogliere alcuni dati. Ecco cosa abbiamo scoperto:

Dove le persone sono più propense ad acquistare?

Sono stati intervistati 834 utenti americani, inglesi e canadesi e alla domanda “Hai mai acquistato un prodotto basandoti su una pubblicità che hai visto online?” hanno risposto.

Have you ever bought a product based on an ad you saw online_

Basandoci su questi dati degli autentiche hanno affermato di aver acquistato un prodotto visto su una pubblicità online, il 30.2% dichiara di averlo fatto perché l’hanno vista su Amazon. Una cifra maggiore di quelli che hanno risposto di aver acquistato un prodotto basandosi su una pubblicità vista su Google.

Per entrare nei dettagli dei risultati, pensiamo all’intento di un utente medio. Ecco ad esempio i risultati di una ricerca per “il miglior cibo per cani” su Google:

Screen Shot 2018-10-10 at 5.02.17 PM

Ed ecco la stessa ricerca effettuata su Amazon:

Screen Shot 2018-10-10 at 5.00.20 PM

i risultati su entrambe le piattaforme hanno evidenziato i prodotti sponsorizzati. Ma ecco un aspetto da non sottovalutare: su Amazon — un sito essenzialmente dedicato allo shopping online — è più probabile fare questo tipo di ricerche con l’intenzione di acquistare. Su Google, invece, un utente potrebbe semplicemente cercare delle informazioni.

Si potrebbe inoltre notare, che le pubblicità su Amazon sono più di tipo native. Quando un utente cerca un prodotto su Amazon (e circa quasi la metà di tutte le ricerche dei prodotti online ha luogo su Amazon) in genere si aspettano di vedere una lista di prodotti online nei risultati.

Su Google, la situazione potrebbe essere diversa, e gli utenti si potrebbero aspettare di vedere informazioni dettagliate sui prodotti, con dei risultati sponsorizzati più rilevanti e meno coesi con il resto della search experience.

Il dominio del mercato potrebbe richiedere tempo

Anche se Amazon ha la supremazia nel mercato pubblicitario digitale in America e gli utenti investono di più su questa piattaforma che su Facebook o Google, appare essere una vittoria raggiunta gradualmente con il tempo.

241077

Per quanto riguarda i grafici riportati sopra, eMarketer prevede che per il 2020, Amazon vedrà le sue entrate crescere del 50% ogni anno, accrescendo la propria quota di mercato dal 4% al 7%.

Nonostante questi dati siano impressionanti, questa potenziale crescita deriva dalla fruizione, e ci sarà ancora una consistente differenza tra le quota di mercato delle entrate pubblicitarie digitali di Amazon, e la percentuale detenuta da Facebook e Google.

E’ lecito credere che la quota nel mercato pubblicitario digitale di Amazon, continuerà a crescere, ma gradualmente. Questo potrebbe essere vero soprattutto se Amazon continuerà a puntare sui video pubblicitari, rappresentando una minaccia per la piattaforma video di Facebook e YouTube che è di proprietà di Google.

eMarketer inoltre prevede una significativa crescita negli investimenti per i video pubblicitari – il 30% solo per quest’anno – con Facebook che sta attualmente spendendo il 25% della sua quota. Ma nel fare questo, eMarketer misura solo la quota di Facebook tra altri social network come Twitter e Snapchat  — non le confronta con altre piattaforme più grandi come Google o Amazon.

241892

In ogni caso, la piattaforma pubblicitaria di Amazon non dovrebbe essere sottovalutata da chi si occupa di marketing e dalle PMI, anche se la sua crescita è lenta e costante.

Come inizio, Andrea Leigh di IdeoClick consiglia di osservare dove il proprio brand riscuote un pubblico ed un engagement più elevato, e cercare di capire come veicolarlo ad una strategia pubblicitaria su Amazon. “Se hai un seguito importante sui social, o partecipi a molti eventi, puoi veicolare quel pubblico su Amazon” afferma.

Contatta ComunicaFacile per ottenere il meglio dalla pubblicità online

Metti “mi piace” alla pagina Facebook di Comunicafacile per rimanere sempre aggiornato sul mondo del marketing e della comunicazione!

CLICCA QUI

Riguardo a Comunicafacile Staff

Comunicafacile Staff
Azienda informatica giovane e dinamica che si occupa di grafica, web marketing e comunicazione.

Guarda Anche

Storytelling experience: 3 brand da cui trarre ispirazione

Storytelling experience: 3 brand da cui trarre ispirazione La narrazione, per comunicare il messaggio di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *