Home / Marketing / 5 migliori app di messaggistica per il marketing
app messaggistica ng srl

5 migliori app di messaggistica per il marketing

5 migliori app di messaggistica per il marketing

Le aziende hanno creato le app di messaggistica per fornire un servizio di comunicazione gratuito ed illimitato, una soluzione ai costi elevati e ai limiti dei caratteri degli SMS tradizionali.

Ma le app di messaggistica non vogliono essere semplicemente un’altra tipologia di messaggi di testo. Continuano ad innovarsi e ad evolversi in delle app per qualsiasi possibile interazione digitale.

Basti pensare che con una singola app è possibile chattare con i propri amici, comunicare con i brand, fare chiamate, giocare, fare shopping e persino chiamare un taxi.

Queste funzionalità aggiunte fanno in modo che gli utenti ci trascorrano molto tempo infatti oggigiorno le app di messagistica hanno più di 5 miliardi di utenti mensilmente da tutto il mondo.

La maggior parte delle app di messaggistica permettono alle aziende di usufruire del loro servizio utilizzando chatbot per l’assistenza clienti, inviare pubblicità agli utenti e vendere prodotti.

Ovviamente ogni paese e fascia d’età preferisce un app di messaggistica rispetto ad altre, quindi continua a leggere questo articolo per scoprire quali sono le app più utilizzate al mondo per il marketing.

WhatsApp

WhatsApp NG SRL

 

Utenti attivi mensilmente: 1.3 miliardi

Paesi in cui è più popolare: America Latina, Europa, Medio Oriente, India, Russia e Africa.

Età media: 25-44 anni

Whatsapp non permette ancora di inviare pubblicità e limita di creare gruppi con più di 265 persone. Quindi i marketer in che modo utilizzano l’app di messaggistica più utilizzata al mondo?

Dato che WhatsApp non è adatta per la distribuzione dei contenuti su larga scala, i marketer devono far leva sulla comunicazione one-to-one, interagendo singolarmente con gli utenti con campagne personalizzate.

Facebook Messenger

 

Facebook Messenger

Utenti attivi mensilmente: 1.2 miliardi

Paesi in cui è popolare: Nord America, Europa, Australia, Medio Oriente, Il Sud-Est Asiatico e Africa

Età media: 16-44 anni

Facebook Messenger offre alle aziende una moltitudine di servizi.

Ad esempio, si possono inviare messaggi sponsorizzati agli utenti che hanno avuto in precedenza una conversazione con l’azienda e utilizzare i chatbot per l’assistenza clienti come Chatfuel e ManyChat per interagire con i clienti.

 

WeChat

 

WeChat

Utenti attivi mensilmente: 938 milioni

Paesi in cui è popolare: Cina

Età media: 18-50 anni

WeChat non è popolare solo in Cina, ma la maggior parte dei cinesi la utilizzano per fare moltissime cose, come:

  • Messaggiare con gli amici
  • Postare degli aggiornamenti su WeChat Moments
  • Leggere le notizie
  • Pagare le bollette
  • Trasferire i soldi
  • Fare shopping online
  • Giocare
  • Fare chiamate e videochiamate
  • Prenotare un taxi
  • Gestire le finanze personali

WeChat fornisce ai marketer molte opportunità per fidelizzare e fornire assistenza clienti, ma se un’azienda vuole raggiungere la maggior parte degli utenti dell’app in Cina, deve essere registrata nel paese.

Le aziende di Stati Uniti, India, Indonesia, Macau, Malesia, Sud Africa, Taiwan e Tailandia possono però raggiungere i 100 milioni degli utenti internazionali dell’app.

Un’azienda per essere presente su WeChat deve creare un account ufficiale, questo le permetterà all’azienda di creare un mini-sito, pubblicare contenuti e fornire servizi personalizzati all’interno dell’app di WeChat.

Esistono due tipi di account ufficiali. I marketer di solito si abbonano a degli account che li permettono di inviare un messaggio al giorno, mentre le grandi catene di solito utilizzano gli account specifici per i servizi dove possono inviare fino a 4 messaggi al giorno.

Tutti gli account inoltre hanno a disposizione dei bot per interagire con gli utenti che rispondono a determinate parole chiave.

Line

 

Line

Utenti attivi mensilmente: 217 milioni

Paesi in cui è popolare: Giappone, Tailandia, Taiwan e Indonesia

Età media: 10-49 anni

Line è un’app di messaggistica gratuita che offre ad ogni utente una pagina profilo, sticker, giochi, videochiamate, musica in streaming e servizi di ride-sharing e altre 30 funzionalità.

Line domina il mercato giapponese delle app di messaggistica, dove il 94% degli utenti delle app di messaggistica ha scelto Line.

Line è ricca di occasioni per i marketer. In quattro dei paesi in cui è più popolare, il 73% degli utenti attivi ogni mese usa l’app ogni giorno. L’alto tasso di fidelizzazione degli utenti permette alle aziende di creare un grosso seguito.

Infatti. Il Wall Street Journal ha acquisito 2 milioni di utenti Line in soli 15 mesi, il che è un tasso di crescita più veloce che si sia mai visto. Inoltre affermano che il 30% dei loro follower, mette “mi piace”, commenta e condivide i loro post.

Quando un’azienda crea un account ufficiale su Line può:

  • Personalizzare la propria pagina profilo
  • Inviare dei messaggi in chat ad ognuno degli iscritti
  • Postare contenuti nelle timeline degli iscritti
  • Attivare chatbot che rispondono ai clienti
  • Distribuire sticker personalizzati dell’azienda
  • Premiare i clienti che acquistano un loro prodotto con degli sticker

Per Paul McCartney, Line è il modo migliore per interagire con i fan. I suoi 12.5 milioni di follower di Line sono più di Facebook, Twitter e Instagram combinati assieme.

Slack

 

Slack

 

 

Utenti attivi mensilmente: 5 milioni

Paesi in cui è popolare: Stati Uniti

Età media: 25-54

Slack è la principale piattaforma di comunicazione di molte aziende. Slack può essere un canale molto efficace per inviare contenuti.

L’app appare come una classica applicazione di messaggistica, con in più la possibilità di integrare una lunga lista di servizi, fra i quali Dropbox, GitHub, Google Drive e Hangouts, Twitter. 

Una volta registrati, gli utenti dell’azienda possono suddividere gli argomenti di discussione e scambio file utilizzando hashtag; in questo modo si creano canali tematici. Restando all’esempio della nostra redazione, potrebbero essere creati il canale #sport, il canale #tecnologia, il canale #cronaca, e così via. 

La promessa di Slack è quella di una diminuzione, fin quasi all’azzeramento, del flusso di email fra i membri dell’azienda: è questa caratteristica che ha portato la stampa statunitense a definire Slack l’app “email killer”.

Scarica la nostra nuova guida GRATUITA sull’Inbound Marketing

CLICCA QUI

Riguardo a admin

Avatar

Guarda Anche

Marketing piccole aziende di Rovigo

Come avere un Delegato Marketing nella tua piccola azienda, senza pagare 2000€ di stipendio!

Se sei un imprenditore che è quasi (ma non del tutto) soddisfatto della sua azienda …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *