19 novembre 2018
Home / Marketing / 5 fobie tecnologiche che stanno diventando sempre più frequenti
fobie della tecnologia

5 fobie tecnologiche che stanno diventando sempre più frequenti

5 fobie tecnologiche che stanno diventando sempre più frequenti

fobia
fo·bì·a/
sostantivo femminile
Paura angosciosa per lo più immotivata e quindi a carattere patologia.
 
Quando pensiamo alla parola “fobia”, pensiamo alla paura per i ragni, per le altezze o di volare con l’aereo. Ma delle reazioni fobiche si possono presentare per qualsiasi cosa – anche per gli smartphone o per i computer!
Con l’utilizzo sempre più massiccio della tecnologia, sono nate nuove ansie e fobie all’interno della nostra società.
Il “Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders” il manuale americano dei disturbi mentali non cita ancora queste particolari fobie. Infatti, ai pazienti affetti da una fobia legata alla tecnologia, viene diagnosticata una “fobia specifica”abbinata ad un’altra appartenente ad una delle cinque categorie delle fobie:
    1. 1)le fobie degli animali;
    1. 2)le fobie di situazioni ambientali;
    1. 3)le paure delle iniezioni e del sangue;
    1. 4)le paure di situazioni specifiche;
    1. 5)le fobie di altro tipo.

“È certo che alcuni individui hanno sviluppato delle serie fobie dovute alla tecnologia o a particolari device tecnologici per un insieme di ragioni” ha spiegato lo specialista delle fobie il Dr. Martin Anthony. Queste fobie vengono in genere diagnosticate come “fobie specifiche.”

Nonostante il fatto che le fobie tecnologiche esistono, è ancor presto per aspettarsi delle diagnosi cliniche. Non esistono abbastanza dati scientifici per queste fobie derivanti dalla tecnologia, afferma Marla Deibler, psicologa e direttore del Center of Emotional Health di Philadelphia.

Ecco la lista delle cinque fobie più comuni legate alla tecnologia:

Tecnofobia: la paura della tecnologia

tecnofobia

La tecnofobia è l’origine di tutte le fobie tecnologiche. Questa fobia ha origini risalenti alla Rivoluzione Industriale, e ha continuato ad evolversi negli anni.

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata della tecnologia.
Non necessariamente si tratta de una paura irrazionale, la tecnofobia corrisponde spesso anche al rifiuto delle nuove tecnologie, che in genere è giustificato e non sono necessarie cure come invece capita come le fobie in generale.
Attualmente esistono società tecnofobiche, come per esempio gli Amish che rifiutano qualsiasi tipo di tecnologia.

Nomofobia: la paura di non poter usare il cellulare

nomofobia

Nomofobia è un termine recente (nomophobia nel mondo anglosassone) che designa la paura incontrollata di rimanere sconnessi dalla rete di telefonia mobile.

Il termine (formato col suffisso -fobia e un prefisso inglese, abbreviazione di no-mobile) è stato coniato in occasione di uno studio commissionato a YouGov, un qualificato ente di ricerca britannico, da Stewart Fox-Mills, responsabile del settore telefonia di Post Office Ltd.

Lo studio ha rilevato che quasi il 53 % degli utenti di telefono cellulare in Gran Bretagna tendono a mostrare uno stato ansioso quando “perdono il loro cellulare, esauriscono la batteria o il credito residuo o non hanno copertura di rete”.

Lo studio ha rilevato che circa il 58 per cento degli uomini e il 48 per cento delle donne soffrono di questa fobia, e che un altro 9 per cento è stressato quando il cellulare è fuori uso.

Questa fobia genera panico o ansia quando non si può usare il proprio telefono cellulare per mancanza di segnale, per batteria scarica, e ancora peggio, quando lo si perde.

Cyberfobia: la paura dei computer

cyberfobia

Che tu ci creda o no, alcune persone hanno una paura irrazionale dei computer. Sintomi della cyberfobia (una forma di tecnofobia) consiste nel provare emozioni come ansia e paranoia per qualsiasi cosa correlata ai computer.

Telefonofobia: la paura dei telefoni

telefonofobia

Coloro che patiscono la telefonofobia temono di fare o ricevere telefonate, il timore può persino includere il semplice squillo del telefono.

Questa fobia puo essere dovuta ad alcune delle seguenti ragioni: la paura del telefono di per sé, ma la paura del rispondere o ricevere le chiamate.

 È simile alla glossofobia, la fobia del parlare in pubblico. Lo squillo del telefono può rendere il soggetto affetto da telefonofobia nervoso, e in alcuni casi provocare dei vari e propri attacchi di panico.

Selfiefobia

selfiefobia

 

Infine la fobia più bizzarra, è la selfiefobia: la paura dell’autoscatto

Con la popolarità dei selfie, non c’è da sorprendersi che è nata anche la selfiefobia. Nonostante non sia ancora stata verificata dagli esperti, questo termine è diventato molto popolare nel web.

Esistono varie ragioni per cui una persona può essere selfiefobica. Alcuni potrebbero pensare di non essere fotogenici, altri semplicemente lo vedono come un atto superficiale e vanesio.

 

 Cura la tue fobie con NG srl, scarica la nostra nuova guida GRATUITA sull’Inbound Marketing

CLICCA QUI

Riguardo a admin

Guarda Anche

Storytelling experience: 3 brand da cui trarre ispirazione

Storytelling experience: 3 brand da cui trarre ispirazione La narrazione, per comunicare il messaggio di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *