11 dicembre 2018
Home / Marketing / 3 esempi geniali di content marketing empatico

3 esempi geniali di content marketing empatico

3 esempi geniali di content marketing empatico

Un content marketing di successo crea una connessione tra il pubblico e l’azienda.

Questo non significa scrivere contenuti a caso e insignificanti, ma creare dei contenuti di qualità e incisivi, contenuti che funzionano spesso se sono scritti con empatia.

Come asseriva il Dr. Brené Brown “L’empatia è sentire con le persone.” Quando ti metti nei panni delle persone, diventa più semplice capire i loro problemi e trovare le soluzioni più adatte.

È per questo che il content marketing empatico è una delle strategie più efficaci per il tuo business, sia che offra servizi B2B che B2C.

Non hai idea di come sia il content marketing empatico? Ecco 3 esempi reali di multinazionali e colossi del web che hanno messo in pratica delle strategie di content marketing empatico.

Lush

Lush è una multinazionale che vende prodotti cosmetici artigianali e naturali. È un’azienda trasparente che mostra il dietro le quinte del reparto produttivo con dei video su come vengono realizzati i loro prodotti più famosi.

Ogni video vede come protagonisti degli impiegati della Lush in “cucina”, che raccontano passo dopo passo come sono fatti i prodotti. Lush vuole mostrare la naturalezza e la genuitià degli ingredienti che compongono i loro prodotti: limoni freschi, infusi di the e sale, il tutto amalgamato assieme per diventare un prodotto apprezzato in tutto il mondo.

Come mostra empatia: I clienti della Lush vogliono acquistare prodotti di bellezza che sono davvero naturali, composti da ingredienti freschi, organici ed etici. Mostrare ai clienti le loro industrie e il processo produttivo – con un volto umano – rassicura i consumatori che possono utilizzare i loro prodotti in tutta tranquillità.

LinkedIn

LinkedIn Marketing Solutions incita i marketer a far crescere il loro audience, a creare contenuti più avvincenti e a raggiungere i loro obiettivi. Ovviamente, LinkedIn vuole che il suo audience utilizzi i suoi servizi per raggiungere questi obiettivi.

LinkedIn ha creato un ebook: The Secret Sauce: Learn How LinkedIn Use LinkedIn for Marketing, fornendo molte informazioni su come LinkedIn utilizzi la sua stessa piattaforma per raggiungere gli obiettivi del marketing.


 

Come mostra empatia: una delle strategie di marketing empatico più efficace è l’informazione. LinkedIn vuole arricchire il suo pubblico per far sì che siano più produttivi al lavoro (e utilizzare il loro social per farlo) e questo ebook li aiuterà a comprendere ed utilizzare LinkedIn come dei veri professionisti.

Attraverso queste offerte, i consumatori capiscono che si possono fidare di Linkedin e lo vedono come una fonte di informazione autorevole che li indirizza verso la giusta direzione, fornendo delle soluzioni brillanti e guadagnando credibilità e autorevolezza.

Microsoft

Le soluzioni di sicurezza della Microsoft mirano a tenere al sicuro i dati degli utenti. L’obiettivo del brand è quello di istruire e spiegare perché i suoi prodotti sono importanti.

Per rendere più interessante la problematica della sicurezza dei dati, Microsoft ha creato il sito Anatomy Of A Breach.

Il sito fa immedesimare gli utenti in un hacker, guidandoli nel processo di violazione dei dati e mostrando nei dettagli come vengono rubati. Il sito è arricchito da statistiche sulla sicurezza dei dati rendendo chiaro il messaggio.

Come mostra empatia: i consumatori sanno che la violazione dei dati è un serio problema, però non sanno esattamente come succede. Creando vuna storia coinvolgente e utilizzando i dati reali di un sondaggio, Microsoft mostra il problema in modo semplice e accessibile. Attaraverso l’interazione, i consumatori percepiscono la loro vulnerabilità e capiscono quindi che è meglio proteggere i lor dati personali.

 

Scarica ora la nostra nuova guida GRATUITA sull’Inbound Marketing

CLICCA QUI

 

 

Riguardo a admin

Guarda Anche

Instagram fa pulizia

Instagram fa pulizia: addio ai falsi follower

Instagram fa pulizia: addio ai falsi follower Pulizie di Primavera? non proprio… Le pulizie contro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *